NANI DA GIARDINO: I PICCOLI FRUTTI

Less is more! Ovvero il meno è il più, grazie a queste piante favolose caratterizzate da dimensioni contenute e bellissimi frutti mignon simili a gioielli, ma dal sapore e dalle caratteristiche nutrizionali incredibili: non potrai più farne a meno.

ribes

Ribes rosso – wikiimage

Che i piccoli frutti siano simili a gioielli lo hanno capito da tempo immemore poeti e pasticceri.
William Shakespeare per esempio in una commedia, fa dire alla Regina delle Fate ‘Titania’ – che per inciso è anche il nome di una straordinaria cultivar di Ribes Nero:

“…Prendetelo sulla via saltellando
e fategli capriole davanti agli occhi.
Nutritelo d’albicocche e di lamponi,
d’uva purpurea, di fichi verdi e more di gelso…”
Sogno di una notte di mezza Estate, III 1595

In pasticceria diventano il complemento ideale per decorare dolci, esaltando il sapore di creme e frolle; ma è nei monasteri che si iniziarono a creare autentici peccati di gola: pasticcini e torte, confetture, gelées, sino ad arrivare ai liquori che venivano distillati tra le mura ombrose e millenarie delle abbazie.

crostata ai frutti di bosco

wikiimage thank you!

Buoni, e salutari
Dal punto di vista organolettico tutti i piccoli frutti sono caratterizzati da grande freschezza, e una acidità – più o meno intensa – che vira al dolce; un sapore sapido che presta il fianco anche a preparazioni salate come risotti o l’abbinamento con le carni.
Estremamente benefici, sono un concentrato dinamico di vitamine e sali minerali, i quali agiscono sull’organismo, preservandolo dall’invecchiamento cellulare – azione rigenerante ed antiossidante – e contribuendo a rafforzare le difese immunitarie grazie all’elevato contenuto di Vitamina C. Alcuni frutti come i mirtilli, contribuiscono significativamente a migliorare la microcircolazione, rivelandosi preziosi per curare e prevenire i disturbi dell’apparato circolatorio. Ottimi nelle diete ipocaloriche offrono un valido (e migliore) sostituto a snack e caramelle.

 

piccoli frutti

wikiimage – thank you!

Come li coltivo
In linea generale tutti gradiscono la mezz’ombra e il pieno sole: a tale proposito considerare sempre la propria latitudine. Ovvero, il pieno sole di un altipiano trentino sarà completamente “diverso” dal pieno sole della pianura emiliana.

Se desideri coltivarli in vaso sul tuo terrazzo cittadino tieni presenti questi fattori:
– gioca facile, riempi il tuo vaso con terriccio della migliore qualità e tendenzialmente acido. Prima di mettere la terra, devi assolutamente creare uno strato con lapillo vulcanico o argilla espansa per curare il drenaggio. Il ristagno dell’umidità potrebbe uccidere la pianta causando marciume radicale, e favorire l’insorgere di patologie fungine.
– ti consigliamo una esposizione di mezz’ombra che potrebbe tradursi magari in sole al mattino e ombra al pomeriggio, o viceversa. Attenzione: se il tuo terrazzo è una spianata di cemento, le temperature saranno ai limiti della sopravvivenza, pertanto ti consigliamo di pacciamare al piede la tua pianta e di procurarle una ombreggiatura, con arelle o aprire il tendone ombreggiante.
– nutrimento: dovrai utilizzare prodotti di origine organica, come cornunghia, dermazoto, letame pellettato.
– trattamenti: sono tutte piante essenzialmente sane, tuttavia possono soffrire di oidio (mal bianco) in caso di scarso ricircolo d’aria ed eccessiva umidità. In questi casi effettuare irrorazioni preventive con ossicloruro di rame, e curative con zolfo.

Per la coltivazione in piena terra e ulteriori informazioni, leggi —> qui il nostro articolo.


Curiosità

Lo sapevi che l’Uva spina in realtà è un ribes? Ribes Grossularia, è infatti il suo nome botanico.
Durante la seconda guerra mondiale, ai piloti dei caccia venivano somministrate giornalmente razioni di mirtillo per migliorare la vista, ed in generale l’acume!

Al freddo
Puoi conservare a lungo il tuo raccolto, surgelando i tuoi frutti: si conserveranno perfettamente e per molti mesi avrai sempre pronta una eccellente materia prima per realizzare dessert favolosi.

I piccoli frutti sono pura essenza d’estate e il loro sapore prezioso racchiude le giornate più luminose dell’anno.

piccoli frutti

wikiimage – thank you!