LA MIA FINESTRA, IL MIO GIARDINO

Adori le piante, ma non hai nemmeno un pezzetto di terra. Se possiedi una finestra hai già un buon punto di partenza, e noi ti aiuteremo.

Lavatera Olbia Rosea

Come spesso accade nella vita, sono proprio le mancanze a stimolare creatività ed inventiva, e nella maggior parte dei casi ciò che ne scaturisce è una innovazione positiva. Dopotutto “il bisogno aguzza l’ingenio”, ed è in questo modo che – per esempio – hanno visto la luce le straordinarie vigne terrazzate presenti in Liguria, Trentino e Sicilia. Tutte le innovazioni introdotte, provengono sempre dalla necessità di migliorare una condizione esistente.
La tua piccola finestra quindi, rappresenterà non una sfida, ma un divertentissimo banco di prova, per arricchire la tua vita di un piccolo ma straordinario Giardino.
Sei pronta? Ecco le istruzioni per aumentare la tua felicità:

  1. verifica subito l’esposizione alla luce, essa ti indicherà immediatamente quali tipo di essenze utilizzare;
  2. valuta immediatamente dopo la quantità di spazio;
  3. non disperare.

A questo punto dovrai stilare una “lista della spesa” che preveda:

– balconiere di ottima qualità. Con “ottima qualità”, intendiamo certamente che siano belle, ma soprattutto resistenti. Attenzione al fatto che mai e poi mai, una pianta dovrà rischiare di cadere di sotto. Finire i giorni in galera, intralcierebbe definitivamente la tua carriera di giardiniere.

– sottovasi. Per chi abita in condominio, il termine “stillicidio” sarà probabilmente evocativo: è infatti una  delle paroline magiche che gli amministratori condominiali ripetono instancabilmente durante le riunioni, ed indica letteralmente lo “sgocciolare” sulle teste e sulla biancheria stesa dei vicini sottostanti. Degli ottimi sottovasi dai bordi rialzati, ti eviteranno inutili liti, e scomode acrobazie.

– vasi. Scegli tu. I vasi di cotto sono certamente i più belli, ma anche i più costosi, presumibilmente voluminosi e pesanti. L’economico vaso di coccio al momento dell’acquisto, non è il massimo col suo colore che vira all’arancione, ma ha il vantaggio che in breve tempo sbiadirà e potrebbe  accogliere qualche muschio di passaggio. A tale proposito, volevamo ricordarti che puoi sempre pennellare i tuoi vasi con yogurt bianco (senza  zucchero!) che creerà in breve l’habitat ideale per accogliere le agognate spore. Ulteriormente, essi possono essere decorati a tuo piacere, secondo il tuo personalissimo stile. Il vaso di plastica a rigore sarebbe l’ideale: economico, leggero, mantiene più a lungo quella leggera umidità che soprattutto nei mesi caldi non è mai disprezzabile… Ma diciamocelo: il vaso di plastica è il brutto anatroccolo (senza possibilità di evoluzione) nel mondo della vasetteria.

– cestini/portavasi. Diventeranno (quasi) i tuoi migliori amici, perchè ti consentiranno di sfruttare lo spazio offerto dallo spessore delle pareti. I cestini, dopo essere stati appesi e riempiti diventeranno estremamente decorativi e faranno miracoli fornendo l’immediata sensazione di ricchezza verde.

Un mobiletto a portata di mano e che contenga tutto l’occorrente come forbici, tutori, terriccio e concimi, ti servirà a mantenere ordine in casa.

Lavatera

Qualche suggerimento per divertirti davvero
– Segui un tema per ogni finestra: ad esempio il davanzale/orto, o decidi di tenere schemi di colore che doneranno molto carattere ai tuoi ambienti: toni del bianco, bianco-lilla-rosa, rosso-arancio-giallo ecc..
– Uilizza piante alte e cespugliose come lavatera, perovskia, lavanda, echinacea purpurea, graminacee, per creare preziose schermature che ti preservino da vicini invadenti e vedute insignificanti;
– Decora con garbo: come dicevamo sopra, vasi e portavasi giocheranno una parte fondamentale sul risultato finale. Inoltre puoi divertirti inserendo targhette col nome delle piante, o candele che renderanno magiche le tue serate.