Anemoni

Sentori di sottobosco, frescura e verde. Il sole che filtra dall’alto attraverso i rami, l’atmosfera incantata: se hai un giardino così puoi coltivare l’Anemone.

Anemone hibrida Lorelay

Pianta affascinante già dalle interpretazioni date al nome, il quale è indissolubilmente legato al vento: dal greco antico ànemos che significa vento, al latino anima, soffio, aria con suggestivi riferimenti al soffio vitale.
Essenza la quale conta molte varietà autoctone, si sono incontrate le più belle varietà spontanee di A. Coronaria, in prossimità delle necropoli etrusche, conducendo alla supposizione che questa pianta fosse particolarmente apprezzata e simbolicamente collegata all’aldilà.
Appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, possiede quei tratti ricchi di grazia che caratterizzano tutto l’ordine: fiori ricchi, portamento morbido e fogliame decorativo; a seconda delle varietà inoltre, cambiano notevolmente i periodi di fioritura: se lo desideri potrai avere anemoni fioriti sia nei primissimi mesi della primavera, sia da fine estate all’autunno.

Fioritura primaverile
A. Coronaria: fioritura da aprile a giugno, nelle specie endemiche i fiori avranno colori che virano dai rosa, al lilla al bianco, blu o scarlatto. Gli ibridi sono prodotti in un numero quasi illimitato di colori.
A. Nemorosa: fioritura da marzo ad aprile, specie endemica, fiori bianchi violacei o blu;
A. Ranuncoloides: fioritura da marzo ad aprile, specie endemica, fioritura bianca;
A. Trifolia: fioritura da marzo ad aprile, specie endemica, fioritura bianca;
A. Apennina: fioritura da marzo ad aprile, specie endemica, fioritura celeste;

P9265919

Fioritura tardo estiva-autunnale
A. Japonica:
fioritura da agosto ad ottobre. Originario di Cina e giappone, fiorisce in infinite nuances di colore, tutte accomunate dagli caratteristici stami gialli. Uno degli anemoni più amati.
A. Narcissiflora: fioritura da giugno ad agosto, specie endemica molto graziosa, che fiorisce nei toni del bianco rosato.

Come crescerlo
Tutti gli anemoni sono piante perenni e rizomatose, accomunate dal fatto che necessitano di ombra e mezz’ombra: a tale proposito riteniamo opportuno aprire un piccolo inciso relativamente la definizione di “ombra”: a priori si intende un luogo luminoso, ma con luce molto filtrata ed attenuata, magari dalla presenza di alte chiome. Assolutamente da eliminare la supposizione che una pianta possa crescere in mancanza di luce (leggi qui).
Relativamente la qualità del terreno, essi saranno felici se messi in substrati leggeri, freschi e ricchi di humus (A. Apennina, si accontenta anche di terreni più argilosi). Attenzione ad eccedere con le concimazioni, soprattutto nelle varietà endemiche, le quali possiedono abitudini alimentari estremamente morigerate: attenzione all’utilizzo del letame, che potrebbe nuocergli.
Irrigazioni frequenti, e moltiplicazione per suddivisione del rizoma.
Si tratta di piante che nonostante l’aspetto delicato possiedono una buona rusticità, nonostante ciò è buona norma durante l’inverno, proteggere dal gelo i rizomi dormienti, con uno strato di paglia, felci o tessuto geotessile.

 

anemone

Piante che nelle forme autoctone ci accompagnano nei sentieri boschivi, che entrano delle case sotto forma di straordinari colorati ( e mai banali) bouquet. Anemone è una delle piante del conforto: il conforto della rinascita della vita appena usciti dall’inverno, il conforto della bellezza che prosegue sino all’autunno inoltrato, quando oramai ci si prepara ad una tavolozza di soli colori neutri.